• PITA, C / Albert Einstein, 15-23, Almería, ES
  • +34 950 340 617

Progetti R + S + i

R+S+i

La tecnologia, la ricerca e l’innovazione non risiedono solo nel nostro nome, ma soprattutto nelle nostre Visione e Missione aziendali.

Investiamo e partecipiamo a numerosi progetti di ricerca che sono il motore di nuovi prodotti e soluzioni.

Lo sviluppo e la ricerca nel campo delle microalghe ci ha permesso non solo di sviluppare ottimi prodotti per l’agricoltura, ma anche di avanzare in nuovi metodi di purificazione dell’acqua, recupero di rifiuti organici, produzione di nuove varietà di microalghe, sviluppo di una migliore fertilità dei batteri del suolo per l’agricoltura, e anche nuovi processi per la produzione di energia pulita e sostenibile.

Linee di indagine

Biorizon Biotech sviluppa la propria ricerca in diversi ambiti sinergici che consentono l’apertura di nuovi mercati e linee di sviluppo di prodotti e servizi.

Progetti R+S+i

PROGETTO BACAGRO

Foto BACAGRO

Il progetto di ricerca BACAGRO (Produzione di batteri per uso agricolo come promotori della fertilità del suolo e agenti protettivi contro i fitopatogeni), ha come obiettivo globale lo sviluppo di nuovi prodotti biostimolanti per uso agricolo per migliorare la redditività e la sostenibilità dell’agricoltura intensiva in serra. Globalmente, BACAGRO contempla quattro obiettivi tecnologici diversi: (i) Selezione e identificazione di batteri benefici per suoli e piante, (ii) Sviluppo di processi produttivi microbici scalabili e competitivi con la loro applicazione agricola, (iii) Sviluppo di metodi di conservazione e applicazione di questi batteri garantendone la sicurezza e l’efficacia e, (iv) valutazione dell’effetto su suoli e piante dopo l’applicazione del prodotto nella sua fase finale. In questo modo, il progetto BACAGRO consentirà di aumentare la produttività delle colture in serra riducendo al minimo le malattie causate da funghi e altri agenti patogeni, riducendo l’uso di agenti chimici utilizzati per controllarle, nonché l’apporto di nutrienti grazie a un migliore utilizzo di quelli presenti nel suolo, che si tradurrà in un parallelo aumento della sostenibilità di questo tipo di colture.

Il progetto BACAGRO comporterà un’intensa cooperazione multidisciplinare pubblico-privata per un periodo di tre anni a partire da ottobre Logo BACAGRO

2015 e sarà promosso da una azienda biotecnologica come Biorizon Biotech, S.L. (dedicata allo sviluppo, produzione e commercializzazione di biofertilizzanti); la Fondazione Cajamar, che parteciperà come centro di ricerca di riferimento nel campo dell’agricoltura intensiva e, come terzo partner, l’Università di Almería, attraverso il Centro di ricerca in biotecnologie agroalimentari (BITAL), che comporterà la partecipazione all’interno del progetto di tre Gruppi di Ricerca appartenenti all’Università di Almería: BIO-175: Sviluppo di tecniche microbiologiche per il miglioramento dei suoli di interesse agricolo, BIO-173: Biotecnologie delle microalghe marine e; RMN-346: Ecologia acquatica e acquacoltura. Si tratta quindi di un gruppo di lavoro che affronta tutte le fasi del processo, dall’identificazione di microrganismi su scala di laboratorio, alla produzione industriale, alla loro conservazione e valutazione in campo. Tutti guidati e coordinati dalla società Biorizon Biotech, S.L., con una vasta esperienza nello sviluppo di progetti di ricerca e, soprattutto, con esperienza nel lancio sul mercato di nuove soluzioni, come dimostrato dall’evoluzione del suo catalogo prodotti. Il suo sviluppo comporterà la mobilitazione di un investimento di oltre mezzo milione di euro, che sarà cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), attraverso il Programma Statale di Ricerca, Sviluppo e Innovazione Orientato alle Sfide della Società (Bando RETOS-Collaborazione 2015 di MINECO).

Il successo di BACAGRO non solo consentirà di avanzare nella tecnologia di produzione e utilizzo dei batteri per uso agricolo, ma consentirà anche lo sviluppo di nuovi prodotti a base di microalghe, aprendo un importante filone di lavoro sia nella produzione di questo tipo di microrganismi che per il loro impiego in agricoltura. Ciò consentirà di continuare ad avanzare nel miglioramento della sostenibilità e della redditività dell’agricoltura, come unico modo per mantenere la propria competitività in un’economia sempre più globalizzata.

Logotipo para Páginas WebLogotipo FEDER

VALORIZZAZIONE INTEGRALE DELLA BIOMASSA DI MICROALGHE UTILIZZATA NEI PROCESSI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE PER LA PRODUZIONE DI BIOFERTILIZZANTI PER L’AGRICOLTURA

Foto VALGEST

Biorizon Biotech è un’azienda la cui attività principale è la produzione di biofertilizzanti e biostimolanti dalla microalga Spirulina platensis, nonché altri prodotti per l’agricoltura e l’alimentazione animale.

Inoltre, sta avviando altre linee di sviluppo di prodotti basate su composti bioattivi di interesse provenienti da microalghe. In questo senso, l’obiettivo generale di questo progetto di ricerca industriale è: “Sviluppare un processo per il recupero integrale della biomassa microalgale dai processi di trattamento delle acque reflue sotto il concetto noto come bioraffineria, al fine di sviluppare nuove linee di prodotti biofertilizzanti e biostimolanti, che consentono di ampliare il portafoglio di Biorizon Biotech con nuovi prodotti con caratteristiche di interesse per l’agricoltura, che a loro volta promuovano la sostenibilità dei processi agricoli, sia intensivi che estensivi. A sua volta, lo sviluppo del concetto di bioraffineria consentirà di sfruttare al meglio la materia prima estraendo composti a valore aggiunto, formulando prodotti per l’alimentazione animale e applicando il materiale rimanente come nutriente per la produzione di batteri promotori della crescita delle piante , in cui Biorizon Biotech sta attualmente operando come linea di biofertilizzanti microbiologici, riuscendo ad avviare un processo a residuo zero”. Il progetto contempla quattro obiettivi tecnologici:

(i) Sviluppo e ottimizzazione di un processo per il pretrattamento e l’estrazione di composti bioattivi dalla biomassa di Scenedesmus sp. da un processo di trattamento delle acque reflue,

(ii) Sviluppo e ottimizzazione di un processo di idrolisi enzimatica delle frazioni estratte di interesse e loro formulazione come biofertilizzanti e biostimolanti per l’agricoltura,

(iii) Valutazione dell’effetto su suoli e piante dopo l’applicazione del prodotto nella sua fase finale, e

(iv) Formulazione di un mezzo di crescita nutritivo per la crescita dei batteri che promuovono la crescita delle piante dalle eccedenze e dai sottoprodotti dei processi di estrazione e idrolisi.

In questo modo, la realizzazione del progetto consentirà di aumentare la produttività delle colture sotto serra attraverso l’uso di biofertilizzanti e biostimolanti di origine naturale, che aiutano a ridurre l’impatto dei fertilizzanti minerali sull’ambiente, la loro impronta di CO2, nonché il problema causato dalla concentrazione di nitrati nelle falde acquifere e dalla salinità dei suoli. A sua volta, interconnettere il processo di trattamento delle acque reflue attraverso l’utilizzo di microalghe con la valutazione della biomassa risultante per la produzione di biofertilizzanti, biostimolanti e altri prodotti a valore aggiunto, consente di chiudere il cerchio della sostenibilità del processo, poiché, l’acqua viene recuperata per il riutilizzo in agricoltura, nutrienti come N e P vengono recuperati dalle acque reflue, trasformandosi in biomassa microalgale che a sua volta servirà per lo sviluppo di fitonutrienti, tornando nuovamente in circolo con un tasso di CO2 negativo che si traduce in un parallelo aumento della sostenibilità delle colture in cui vengono utilizzati questi prodotti.

Per lo sviluppo di questo progetto di R&S, iniziato nell’ottobre 2016 e durato 36 mesi, è stato assunto un Dottore in Agrochimica Avanzata, attraverso il Call for Grants Torres Quevedo, borsa finanziata dal Programma Torres Quevedo (Fondi FEDER) del Ministero dell’Economia, dell’Industria e della Competitività (con codice amministrativo: PTQ-15-07929).

Logotipo para Páginas WebLogotipo FEDER

TECNOLOGIA EFFICIENTE PER LA BIOMETANIZZAZIONE DEL BIOGAS

Il progetto METinGREEN mira a sviluppare una tecnologia di raffinazione-purificazione del biogas e miscelare  il biometano finale ottenuto nelle fasi precedenti, al fine di raggiungere le specifiche contenute nella direttiva 2005/55/CE sulla qualità del gas naturale per l’autotrazione. Per testare la nuova tecnologia proposta, verranno realizzati prototipi per i tre processi, considerando una scala di processamento del biogas di 2 Nm3 / h. Per questo sono state considerate attività di progettazione, simulazione dei processi fisico-chimici e analisi del prodotto finale, al fine di raggiungere gli standard di commercializzazione. L’obiettivo finale è dimostrare la capacità di recuperare energia nel ciclo integrale dell’acqua, in questo caso nel processo di depurazione, fase che è la più energivora dell’intero ciclo. I risultati ottenuti consentiranno di scalare la tecnologia fino a una fase preindustriale o industriale, in modo che una volta completato il progetto, questo sia in grado di scalare e commercializzare la tecnologia e le attrezzature su scala industriale. In Europa ci sono più di 14.000 impianti di produzione di biogas, di cui solo 258 producono biometano (principalmente per immissione in rete). Il mercato, quindi, è molto ampio e grazie all’effetto incentivante del progetto si prevede di accelerare i risultati, in modo da avere la tecnologia pronta per la commercializzazione.

Si tratta di sviluppare un nuovo prodotto, una serie di prototipi. Con METinGREEN si raggiungerà la scala dimostrativa, che consentirà di trattare il biogas prodotto dalla digestione anaerobica. Per questo, saranno sviluppate tecnologie e prototipi per (1) Raffinazione e (2) Purificazione. Parallelamente, si lavorerà sull’ottimizzazione del processo di recupero del biometano, aggiungendo un nuovo prototipo basato su una miscela di gas (blending). Il prodotto finale ottenuto sarà un biometano, con proprietà simili al Gas Naturale ad un costo competitivo per la sua commercializzazione.

La tecnologia di raffinazione proposta si basa su un sistema a basso costo, in cui sono ridotti sia i costi di investimento (CAPEX) che quelli operativi (OPEX). Per questo si ritiene di lavorare con sistemi ad assorbimento senza additivi (prodotti chimici) e a bassa pressione, riducendo così drasticamente il costo delle apparecchiature. Il processo si basa sulle proprietà fisico-chimiche del gas adsorbente e sulla sua disponibilità nei diversi processi industriali. Pertanto, il rischio tecnologico si basa sulla sua disponibilità. Per fare ciò, sarà necessario progettare e modificare il sistema di adsorbimento per ridurre al minimo la domanda di questo reagente ed espandere la capacità di implementare la tecnologia in quei processi industriali in cui tale materiale non esiste.

Un’altra sfida tecnologica è la qualità finale del biometano. L’obiettivo perseguito in METinGREEN è quello di ottenere una qualità nel prodotto finale in accordo con le normative vigenti nel nostro paese: Detail Protocol 001. Tuttavia, a seconda dei substrati, la qualità del biogas può variare (range di % CH4 tra 55-70%). La progettazione del sistema di adsorbimento sarà fondamentale per determinare la qualità finale del biometano ottenuto. Tutti i prototipi che verranno sviluppati nel progetto saranno scalabili, ovvero: saranno conformi alle normative ATEX e alle diverse normative di qualità. La qualità finale del biometano sarà contrapposta al fine di ottenere la qualità del Detail Protocol 001.

Per lo sviluppo di questo progetto di ricerca e sviluppo, iniziato a gennaio 2016 e terminato a giugno 2017, ha collaborato l’Università di Almería, finanziata dal Centro per lo sviluppo tecnologico e industriale (CDTI), cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) attraverso il Programma Operativo Multiregionale per la Crescita Intelligente 2014-2020

Logo Financiación bioREFINA

BIORAFFINERIA DI FERTILIZZANTI PER L’AUTOCONSUMO IN AZIENDE ORTOFRUTTICOLE

L’obiettivo del progetto bioREFINA è trasformare in situ i residui vegetali Foto bioREFINA

generati nelle aziende ortofrutticole, come residui colturali, perdite per pezzatura o mancanza di qualità o altri residui organici, in tre bioprodotti fertilizzanti di alta qualità. In questo modo, un’azienda ortofrutticola passerebbe dall’acquistare fertilizzanti da terzi, alla produzione dei propri biofertilizzanti ricavati dai propri scarti vegetali o dalle sue immediate vicinanze secondo un modello di economia circolare.

I processi di bioraffineria iniziano con una digestione anaerobica termofila che stabilizza la materia organica e riduce il rischio di contaminazione microbiologica. Il biogas prodotto sarà utilizzato come fonte di calore rinnovabile per fornire l’autosufficienza energetica nei successivi processi di trasformazione del digerito in tre prodotti fertilizzanti:

La frazione solida del digestato sarà trasformata mediante compostaggio con altri co-substrati in un ammendante organico funzionale per migliorare la qualità del suolo e la salute delle colture mentre l’acqua e i nutrienti (principalmente azoto, fosforo e potassio) presenti nel separato liquido verrà utilizzato come fertilizzante liquido negli impianti di fertirrigazione. Una frazione del liquido sarà utilizzata per coltivare microalghe e successivamente produrre un biofertilizzante a base di microalghe ricco di amminoacidi e ormoni vegetali.

I fertilizzanti ottenuti attraverso il sistema bioREFINA si distingueranno per l’elevata qualità igienica e la ridotta impronta di carbonio, caratteristiche essenziali dei prodotti ortofrutticoli che vengono commercializzati nei mercati del centro e nord Europa, particolarmente esigenti in questo settore.

Il progetto di ricerca e sviluppo “BIORAFFINERIA DA BIOMASSA RESIDUA AGRICOLA E ZOOTECNICA PER OTTENERE BIOPRODOTTI DI AUTOCONSUMO NELLE COLTURE FRUTTICOLE (bioREFINE)”, iniziato nell’ottobre 2016 e completato nel dicembre 2018, sarà sviluppato da un consorzio di imprese dall’azienda murciana AZUD, esperta in tecnologia dell’acqua e soluzioni di filtrazione industriale, insieme alle società andalusa BIORIZON BIOTECH, specialisti di microalghe e l’azienda ortofrutticola MIGUEL GARCÍA SÁNCHEZ E HIJOS, nonché la società galiziana JB INGENIEROS, specializzata in digestione anaerobica e produzione di biogas.

AINIA Centro Tecnológico, con esperienza nello sviluppo di bioraffinerie, si occuperà del coordinamento tecnico del progetto. Il consorzio riceverà inoltre un supporto tecnologico dal gruppo di ricerca di “Biotecnologia delle microalghe marine” dell’UNIVERSITÀ DI ALMERÍA e dalla stazione sperimentale “Las Palmerillas” della Fondazione CAJAMAR. Il team si completa con le attività di gestione che saranno svolte dalla società di consulenza R&D di Almeria CLEVER I + C, specializzata in Biotecnologie e Agroalimentare.

Il successo del Progetto R&D bioREFINA, essendo stato scelto tra uno dei progetti finanziati nell’ambito dell’impegnativo Programma FEDER-INTERCONECTA, risiede nel suo totale allineamento con le nuove politiche di sostenibilità agricola basate su modelli di bioeconomia, mettendo in pratica un processo di economia circolare al livello di azienda agroalimentare che, tra l’altro, contribuirà alla riduzione dell’uso di fertilizzanti minerali, al miglioramento della gestione energetica delle aziende agricole, al miglioramento della produttività ortofrutticola, nonché all’implementazione di un proprio sistema di gestione e recupero dei rifiuti .

Questo progetto si inquadra nell’ambito del bando FEDER INTERCONECTA 2016, sovvenzionato dal CDTI, sostenuto dal Ministero dell’Economia e della Competitività e cofinanziato con i Fondi Strutturali dell’Unione Europea nell’ambito del <<Programma Operativo per la Crescita Intelligente 2014-2020 >>.

Logo Financiación bioREFINA

Bioraffineria sostenibile delle alghe per l’agricoltura e l’acquacoltura

Foto SABANA

 

Il progetto SABANA mira a sviluppare una bioraffineria integrata su larga scala a base di microalghe per la produzione di biostimolanti, biopesticidi e additivi per mangimi, oltre a biofertilizzanti e aquafeed, utilizzando solo acqua marina e nutrienti da acque reflue (acque reflue e liquami zootecnici). L’obiettivo è raggiungere un processo a zero rifiuti su scala dimostrativa fino a 5 ha sostenibile sia dal punto di vista ambientale che economico. Sarà gestito un Centro di dimostrazione di questa bioraffineria per dimostrare la tecnologia, valutare le caratteristiche operative del sistema, valutare gli impatti ambientali e collaborare con i potenziali clienti.

I principali vantaggi del progetto SABANA sono: la sostenibilità del processo, utilizzando l’acqua marina e recuperando i nutrienti dalle acque reflue riducendo al minimo il consumo di energia, e i benefici socioeconomici, dovuti alla rilevanza dei bioprodotti target per due importanti pilastri della produzione alimentare come l’agricoltura e acquacoltura. I bioprodotti in grado di aumentare la resa delle colture e della produzione ittica sono molto richiesti, mentre il recupero dei nutrienti è una questione prioritaria nell’UE. Invece di considerare le acque reflue come un residuo inevitabilmente inutile e problematico della nostra società, SABANA ne riconosce le potenzialità come opportunità per settori economicamente rilevanti.

Il progetto SABANA comprende (i) l’utilizzo di consorzi di microalghe-batteri e in co-coltura con altre alghe per il controllo delle specie da pascolo, (ii) l’implementazione di efficienti sistemi di coltivazione thin-layer cascade raceways, (iii) lo scale-up di reattori per garantire un funzionamento stabile, (iv) utilizzare l’acqua marina per aumentare la sostenibilità del processo; (v) per recuperare i nutrienti dalle acque reflue, (vi) per sviluppare processi di raccolta tenendo conto dell’acqua risultante, (vii) per stabilire processi per l’estrazione blanda/efficiente dal punto di vista energetico di bioprodotti, (viii) per processare la biomassa residua per produrre biofertilizzanti e acquafeed in processi a rifiuti zero, (ix) utilizzando una tecnologia robusta e sostenibile.

LIST OF PARTNERS:

COMPANY

ROL

COUNTRY

UNIVERSIDAD DE ALMERÍA

Coordinator

Spain

FCC AQUALIA SA

Partner

Spain

GEA WESTFALIA SEPARATOR GROUP GMBH

Partner

Germany

KARLSRUHER INSTITUT FUER TECHNOLOGIE

Partner

Germany

BIORIZON BIOTECH SL

Partner

Spain

MIKROBIOLOGICKY USTAV – AVCR, V.V.I.

Partner

Czech Republic

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO

Partner

Italy

UNIVERSIDAD DE LAS PALMAS DE GRAN CANARIA

Partner

Spain

SZECHENYI ISTVAN UNIVERSITY

Partner

Hungary

CIB-CONSORZIO ITALIANO BIOGAS E GASSIFICAZIONE

Partner

Italy

DETTAGLI DEL PROGETTO:

Argomento(i): BG-01-2016 – Bioraffinerie integrate di biomassa di alghe su larga scala

Identificatore del bando: H2020-BG-2016-1 Vedi altri progetti per questo bando

Schema di finanziamento: IA – Azione per l’innovazione

ID progetto: 727874

Titolo proposta: Bioraffineria sostenibile di alghe per l’agricoltura e l’acquacoltura (SABANA)

Durata (mesi): 48. Dal: 01/12/2016 Al: 30-11-2020

Costo totale: 10 646 705 EUR

Contributo UE: EUR 8 848 523,75

 

LINK DI INTERESSE:

http://cordis.europa.eu/project/rcn/205995_es.html

http://eu-sabana.eu/

Questo progetto ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea nell’ambito del Grant Agreement n. 727874

Logo UE SABANA

PRODUZIONE DI BIOPESTICIDI DA CIANOBATTERI PER USO IN AGRICOLTURA – ALGHE 4CONTROL “

Il consorzio, guidato dalla società Biorizon Biotech, insieme all’Università di Almería e alla Fondazione Cajamar, riceve finanziamenti dal Ministero della Scienza, dell’Innovazione e delle Università per lavorare sui biopesticidi prodotti dalle microalghe.

El

Il consorzio andaluso guidato dalla società di biotecnologia Biorizon Biotech insieme all’Università di Almería e alla Fundación Cajamar, avvia l’esecuzione del progetto di ricerca “Produzione di biopesticidi da cianobatteri per l’uso in agricoltura – ALGAE 4CONTROL”, finanziato da FEDER / Ministero della Scienza, Innovazione e Università – Agenzia statale per la ricerca / _Progetto (RTC-2017-6444-2), attraverso il Programma statale di ricerca, sviluppo e innovazione orientato alle sfide della società (Call RETOS-Collaboration 2017 del MICINN), cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e deliberato alla fine del 2018. A sua volta, il coordinamento e la gestione del progetto saranno affidati a CLEVER I + C, una società di consulenza di ricerca e sviluppo di Almeria specializzata in biotecnologie e Agrifood con sede nel Parco Scientifico e Tecnologico di Almería (PITA) e a Madrid, promotrice del Progetto.

 

Il suo obiettivo è lo sviluppo di formulazioni di biopesticidi basate sull’uso di metaboliti antimicrobici da cianobatteri (microalghe) per uso agricolo come prodotti fitosanitari naturali di origine biologica e sostenibili contro gli agenti microbici fitopatogeni. Globalmente ALGAE4CONTROL prevede sei obiettivi tecnologici diversi: (i) Valutare l’attività biopesticida di ceppi di microalghe nei confronti dei fitopatogeni più rilevanti in agricoltura intensiva, (ii) Caratterizzare ceppi di microalghe di maggiore interesse, in termini di capacità di crescita seconda le condizioni operative e della loro influenza sull’attività dei biopesticidi. Inoltre, considerare la produzione di questi ceppi utilizzando flussi di scarto ricchi di nutrienti provenienti da altri processi, (iii) identificare le molecole bioattive prodotte dalle microalghe e stabilire metodi di estrazione biocompatibili, massimizzando la sostenibilità del processo, (iv) ottenere e valutare in vitro gli estratti ottenuti per identificare i meccanismi di azione e sviluppare formulazioni ottimizzate per questi prodotti, (v) Scalare il processo di produzione a livello pilota, dalla produzione delle microalghe di interesse all’estrazione e formulazione del prodotto finale, (vi ) Valutare la bioattività del prodotto finale attraverso prove sul campo in condizioni reali.

 

ALGAE4 CONTROL con un budget totale di oltre mezzo milione di euro, comporterà un’intensa cooperazione multidisciplinare pubblico-privata per un periodo di tre anni a partire da ottobre 2018, a cui la Fondazione Cajamar parteciperà come centro di ricerca di riferimento nel campo dell’agricoltura intensiva ; L’Università di Almería parteciperà attraverso il Centro di ricerca sulla biotecnologia agroalimentare (BITAL), che comporterà la partecipazione all’interno del progetto di tre gruppi di ricerca appartenenti all’Università di Almería: BIO-175: Sviluppo di tecniche microbiologiche per il miglioramento dei suoli di interesse agricolo, BIO-173: Biotecnologie delle microalghe marine e; RMN-346: Ecologia acquatica e acquacoltura; entrambi guidati dalla società Biorizon Biotech, SL, con una vasta esperienza nello sviluppo di progetti di ricerca e, soprattutto, con esperienza nell’immissione di nuove soluzioni sul mercato come dimostrato dall’evoluzione del proprio catalogo prodotti, precisando che è stato il pioniere mondiale nello sviluppo di prodotti biostimolanti per l’agricoltura da microalghe. Si tratta quindi di un team di lavoro che affronta tutte le fasi del processo, identificazione di ceppi di microalghe di interesse su scala di laboratorio, produzione e lavorazione industriale e loro valutazione in campo.

PROGETTO INTERCONECTA 2018: “Migliorare la qualità nutrizionale dei mangimi per l’acquacoltura incorporando microalghe idrolizzate arricchite in microrganismi probiotici – ALQUABIOTIC”

Il consorzio, guidato dalla società Global Feed (Gruppo Tervalis), insieme alle società Biorizon Biotech e DMC Research, riceve una sovvenzione dal Centro per lo sviluppo tecnologico e industriale per sviluppare un nuovo concetto di mangime per acquacoltura più sostenibile e nutrizionalmente migliorato.

Il progetto “Miglioramento della qualità nutrizionale dei mangimi per acquacoltura mediante l’incorporazione di microalghe idrolizzate arricchite in microrganismi probiotici – ALQUABIOTIC”, è stato selezionato come decimo tra i 63 progetti approvati su un totale di 187 progetti presentati, per ricevere un finanziamento dalla FEDER -Programma INTERCONECTA 2018, cofinanziato con i Fondi Strutturali dell’Unione Europea, che mira a sostenere iniziative di sviluppo sperimentale sotto forma di progetti in cooperazione tra imprese, con una posizione geografica di sviluppo in Andalusia, Isole Canarie, Castilla La Mancha, Castilla-León, Estremadura e Murcia.

 

Il bando FEDER INNTERCONECTA 2018 è sovvenzionato dal CDTI, sostenuto dal Ministero della Scienza, dell’Innovazione e dell’Università e cofinanziato con i Fondi FEDER (Fondi Strutturali dell’Unione Europea) nell’ambito del <<Programma Operativo per la Crescita Intelligente 2014-2020 >>

 

Il consorzio andaluso costituito per lo sviluppo del progetto ALQUABIOTIC è guidato dalla società di additivi per mangimi Global Feed, con sede a Huelva, appartenente al Tervalis Business Group, insieme alla società di Almeria specializzata in microalghe e prodotti derivati ​​per l’agricoltura e l’alimentazione animale, inoltre alla biotecnologia aziendale del Centro di ricerca DMC di Granada, situato ad Alhendín, il tutto supportato dall’Università di Almería, dall’Università di Granada e da Fertinagro Biotech. A sua volta, il progetto sarà coordinato da CLEVER I + C, una società di consulenza di ricerca e sviluppo di Almeria specializzata in biotecnologie e agroalimentare con sede nel Parco scientifico e tecnologico di Almería (PITA) e a Madrid, che è stata ideatrice e promotrice del progetto .

 

Il progetto ALQUABIOTIC, che sarà sviluppato in modo coordinato da ciascuno dei suoi membri nelle province andaluse di Huelva, Granada e Almería, ha un budget di € 1.067.387,00 e un periodo di esecuzione di 27 mesi, da ottobre 2018 a dicembre 2020. Il suo obiettivo è quello di sviluppare un nuovo mangime per l’acquacoltura in cui la farina di pesce è sostituita da microalghe ad alto contenuto proteico, poiché le farine di pesce rappresentano un crescente problema di sostenibilità ambientale a causa dell’aumento delle catture di pesce per lo sviluppo di mangimi per l’acquacoltura, avendo dimostrato in studi precedenti che l’uso di microalghe in questo tipo di mangime migliora la digeribilità e il sistema immunitario dei pesci che se ne nutrono.

 

Oltre alle microalghe, il progetto lavorerà sull’incorporazione di microrganismi probiotici nelle formulazioni di questo tipo di mangime come una nuova strategia per ridurre l’uso di antibiotici nelle pratiche di acquacoltura, nonché sull’inclusione di enzimi che migliorano le caratteristiche, l’assimilazione e la digeribilità dei mangimi per acquacoltura. Il progetto ALQUABIOTIC delinea in modo completo un nuovo concetto di mangime in cui l’azienda leader GLOBAL FEED sarà responsabile dello sviluppo e della valutazione dei nuovi additivi, Biorizon Biotech avrà il compito di studiare nuove microalghe potenzialmente utilizzabili come sostituti della farina di pesce così come il loro processamento e, DMC Research Center sarà il membro responsabile del consorzio per lo studio e l’ottimizzazione di nuovi microrganismi probiotici.

 

Insieme al consorzio di imprese, l’Università di Almería (Gruppi di ricerca RNM346-Ecologia acquatica e acquacoltura e BIO173-Biotecnologia delle microalghe marine), l’Università di Granada (Gruppo di ricerca BIO160-Studio delle sostanze antagoniste prodotte da microrganismi) partecipano come centri di ricerca. e la società Fertinagro Biotech, incaricata di supportare l’azienda leader Global Feed negli sviluppi biotecnologici.

     

ISOLAMENTO DI NUOVI BATTERI ESTREMOFILI CHE PROMUOVONO LA CRESCITA VEGETALE E ANTAGONISTI DA UTILIZZARE COME BIOFERTILIZZANTI E AGENTI DI CONTROLLO BIOLOGICO.

Il progetto “CONTROLBAC” guidato dalla società biotecnologica Biorizon Biotech situata nel Parco Scientifico e Tecnologico di Almería (PITA), in collaborazione con la società Selhozsnab, LLC della città russa di Kemerovo, consiste nella ricerca e sviluppo di nuovi prodotti biostimolanti e biopesticidi da metaboliti secondari di microrganismi isolati da ambienti naturali fino al sud-est peninsulare o alla lontana Siberia (Russia), come strumento naturale per combattere i parassiti con la maggiore incidenza in agricoltura che hanno origine in batteri e funghi con attività fitopatogene.

Il progetto contempla quattro necessari obiettivi tecnologici:

  • Selezione e identificazione di batteri estremofili benefici per suoli e piante.
  • Sviluppo di processi di produzione scalabili da batteri selezionati che sono competitivi con la loro applicazione agricola.
  • Sviluppo di metodi di conservazione e applicazione dei bioprodotti ottenuti in modo da garantirne la sicurezza e l’efficacia.
  • Valutazione dell’effetto su suoli e piante dell’applicazione di bioprodotti stabilizzati.

Il progetto con un budget totale di 415.206,00 euro, oltre al patrocinio concesso dal Programma Internazionale di R&S tra Spagna e Russia (RUSSIP), è stato selezionato come settimo su un totale di 113 proposte presentate al bando INNOGLOBAL 2017, un bando finanziato con fondi del Centro per lo Sviluppo Tecnologico e Industriale (CDTI), ente dipendente dal Ministero dell’Economia e della Competitività (MINECO).

 

Nuova famiglia di biopesticidi ecologici e sostenibili a base di microalghe attraverso un approccio di economia circolare.

Convenzione di sovvenzione 101038250

Il progetto di innovazione ALGAENAUTS mira a sviluppare una nuova linea di biopesticidi sostenibili ed eco-compatibili linea di prodotti per l’agricoltura da biomasse di microalghe, sostenibilità prodotta attraverso un approccio di bioeconomia circolare.

Consulenza per la presentazione di un progetto al bando SME Instrument H2020

Biorizon Biotech presenta la proposta ALGANAUTAS, al bando H2020-EIC-SMEInst-2018-2020 (EIC Accelerator Pilot), inquadrata nel programma H2020, nella volontà di continuare a contribuire con la propria attività allo sviluppo di un’economia circolare.

Per la presentazione della proposta al bando H2020 è stato ricevuto un incentivo dall’Agenzia Andalusa per l’Innovazione e lo Sviluppo IDEA, dalla Junta de Andalucía, per un importo di 7.500 euro, cofinanziato all’80% dall’Unione Europea attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, FESR, per realizzare il progetto “Consulenza per la presentazione di un progetto al bando SME Instrument H2020”, con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo tecnologico, l’innovazione e la ricerca di qualità.

 

Ricerchiamo e sviluppiamo la produzione di batteri benefici per uso agricolo.
Questi batteri migliorano la fertilità dei terreni agricoli e la crescita di agenti potenziati contro vari fitopatogeni.
La nostra ricerca è inoltre finalizzata alla creazione di nuovi fertilizzanti potenzianti e integratori biologici senza residui attraverso i benefici di nuove varietà di microalghe.

Ricerchiamo e sviluppiamo la produzione di batteri benefici per uso agricolo.

Questi batteri migliorano la fertilità dei terreni agricoli e la crescita di agenti potenziati contro vari fitopatogeni.

La nostra ricerca è inoltre finalizzata alla creazione di nuovi fertilizzanti potenzianti e integratori biologici senza residui attraverso i benefici di nuove varietà di microalghe.

La nostra ricerca ha permesso lo sviluppo di tecniche di produzione di microalghe di altissima qualità e in rare varietà che forniscono composti ad alta concentrazione di aminoacidi, polisaccaridi, fitormoni, oligoelementi e antiossidanti.

Queste indagini sono state la base per il lancio di AlgaeTech, società del Gruppo Biorizon che mira a diventare uno dei maggiori produttori di microalghe a livello internazionale.

Essere i nostri produttori di microalghe ci permette di controllare e garantire la qualità dei prodotti commercializzati e di promuoverne lo sviluppo.

Biorizon Biotech fa parte di diverse piattaforme tecnologiche attraverso le quali il dipartimento tecnico e R&S mantiene e lavora su relazioni che consentono lo sviluppo di progetti di R&S, nonché lo sviluppo di nuovi prodotti.

CIBO PER LA VITA:

Piattaforma europea che ha rappresentanti come FIAB, AINIA, AMEC, ANFAO-CECOPESCA, ASAJA, CCAE, CENTRA-IRTA, CNTA e CTC.

CORDIS:

Piattaforma tecnologica della Commissione europea

Bioregione dell’Andalusia:

Unità strategica per il rilancio del Cluster biotecnologico andaluso.

MITA Andalusia:

Questa piattaforma è definita come il mercato andaluso delle idee e delle tecnologie.

CESEAND:

Nodo andaluso della Rete Europea dei Centri di Supporto alle PMI in materia di Internazionalizzazione, Innovazione e Trasferimento Tecnologico (Enterprise Europe Network).

Fondazione Centro Tecnologico TECNOVA:

Fondazione per le tecnologie ausiliarie dell’agricoltura. Biorizon Biotech è integrato come membro del consiglio di amministrazione della Fondazione.

Top
Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines analíticos. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos.
Privacidad